Archivio mensile:febbraio 2012

SVHADISTHANA : la “dolcezza” del piacere

Standard

 

Nel 2° Chaka noi reclamiamo il nostro DIRITTO DI SENTIRE. Reclamiamo anche la passione e il piacere, il senso di bisogno e la vulnerabilità e il collegamento dei nostri sensi tanto alla realtà interiore che a quella esterna. Liberiamo il flusso dell’energia che è essenziale per la crescita, per il cambiamento, per la trasformazione e lasciamo andare l’armatura che ci separa. Allora possiamo reclamare quell’intimità a cui agognamo, ponendo termine al nostro isolamento frammentato ….

I sensi sono la porta tra il mondo interiore e quello esterno. Essi ci orientano nel mondo, ci permettono di creare delle connessioni, danno un significato alla nostra esperienza.

Se i sensi introducono l’informazione nuda e cruda, le sensazioni sono la reazione inconscia a questa informazione e le emozioni sono il modo in cui noi organizziamo le nostre sensazioni ….

Complesse come sono, le emozioni possono essere considerate per lo più una reazione al piacere e al dolore. Il piacere e il dolore sono dei residui del meccanismo di sopravvivenza. Quando le necessità di sopravvivenza vengono soddisfatte adeguatamente, l’organismo si volge naturalmente al piacere. Il dolore è un sintomo che c’è qualcosa che sta minacciando la nostra sopravvivenza. Quando sperimentiamo il dolore, cerchiamo di bloccare le sensazioni e di conseguenza le nostre emozioni. Il dolore ci fa contrarre, ritrarre e ritirare la nostra energia verso l’interno. Il piacere, invece, incoraggia la nostra espansione.

Il desiderio è la necessità dei sensi di trovare soddisfazione attraverso l’espansione. Se non desideriamo nulla i sensi si chiudono, perdiamo la nostra vitalità, non avvertiamo più l’impulso a muoverci oltre. Il desiderio è la radice della passione e dell’entusiasmo, è la spinta fondamentale che ci porta avanti nell’azione.

Solo rimanendo in contatto con il nostro sentire possiamo veramente conoscere i nostri più profondi desideri …..

 Di seguito le foto dei lavori del laboratorio MANDALA-CHAKRA: il 2° Chakra => Diritto di Sentire

” .. perdi la mente e torna ai sensi ..” F.Perls

” il mio viaggio sotto le acque, dell’affogare e rinascere….. l’essere immersi nel fiume per affogare, per morire, per poter poi rinascere ancora. E’ questo un audace affacciarsi sul non essere, con la prospettiva di raggiungere l’essere …”  R.May

“come la logica guida la mente, così il desiderio guida l’anima ..” T.Moore

” l’illuminazione non giunge immaginando figure di luce, ma rendendo cosciente l’oscurità..” C.G.Jung

“l’emozione è la fonte principale di tutto ciò che assurge alla coscienza. Non può esservi trasformazione delle tenebre in luce e di apatia in movimento senza l’emozione ..” C.G.Jung

“tu sei ciò che è il tuo desiderio profondo che ti guida.

Come è il tuo desiderio, così è la tua volontà.

Come è la tua volontà, così sono le tue azioni.

Come sono le tue azioni, così è il tuo destino…”  Upanishad

” lasciarsi andare al movimento … trovare coerenza nel cambiamento significa comprendere il dispiegarsi del flusso .. A.Judith