Significato e funzione dei diagrammi simbolici.

Standard

Mandala

I diagrammi simbolici sono composizioni geometriche, figurazioni grafiche proiettate sul piano. All’interno di una cornice quadrata linee e figure geometriche semplici si sovrappongono e si intersecano, generando vari punti di intersezione. Un punto al centro regola l’intera composizione.

Per indicare i diagrammi simbolici la letteratura sull’argomento usa due termini che non sono sinonimi, ma complementari: Mandala e Yantra. La loro diversità dipende dalle svariate tradizioni culturali nell’ambito della liturgia religiosa e ritualità indù, soprattutto tantrica. In ambito tibetano le celebri rappresentazioni allegoriche della cosmologia buddhista sono chiamate preferibilmente “mandala”. Mentre sono chiamati “yantra” i diagrammi creati per il rito o per la meditazione.

Yantra dalla radice sanscrita “yam” nel significato di “tenere” o “sostenere” l’energia insita in un qualsiasi elemento di natura fisica o psichica. Più propriamente Yantra ha un significato specifico di “strumento”, “congegno” e anche “meccanismo”, infatti esso è usato per indicare azioni o opere nei vari campi dell’attività umana, come l’astronomia, l’alchimia, la medicina. In seguito il significato di Yantra si è esteso nell’ambito di pratiche e attività religiose ed ha assunto una particolare connotazione teologica e dottrinale.

Yantra

Lo Yantra si suddivide in due tipologie: l’una è lo yantra strutturale di una immagine della divinità relativo al culto, in genere composto con immagini figurative antropomorfe al suo interno; l’altra è uno yantra puramente lineare, privo di rappresentazioni figurative, in prevalenza usato nella meditazione rituale.

Per quanto riguarda il Mandala e la sua struttura ne ho parlato diffusamente nei post precedenti.

In senso più generale i due tipi di yantra e anche il mandala, non sono poi tanto diversi tra loro, perché comuni sono le suddivisioni lineari e concentriche e comune è l’importanza dala alla simmetria speculare. Il cerchio, il quadrato, il triangolo, il fiore di loto, figure geometriche semplici si trovano variamente in tutti e tre i tipi di diagrammi. Racchiuse all’interno del quadrato perimetrale, interrotto ai lati dalle porte lungo le linee delle direzioni spaziali, sovrapposte e intersecanti, le figure geometriche interne al diagramma creano un disegno complesso e convergente che focalizza l’attenzione di colui che medita per immergerlo al suo interno.

Nella prassi religiosa indù il mandala e lo yantra funzionano come strumento mnemonico sia per l’officiante come per il devoto nei rituali del tempio ma anche in quelli domestici e familiari.

Il “tempio è un mandala” come inversamente il “mandala è un tempio”; lo spazio occupato dal Mandala è uno spazio sacro, non diversamente da quanto accade per il tempio. Il mandala “incorpora” il rito e il meditante lo “interiorizza”.

I diagrammi sono il rispecchiamento simbolico di ogni forma rituale, dalle immagini sacre all’architettura del tempio e della ritualità che vi si celebra. Non ha lacuna importanza la differenza di dimensioni tra il tempio e il mandala; ambedue comportano sul piano metafisico, il medesimo percorso iniziatico e la stessa finalità.

Vi sono nei diagrammi simbolici aspetti fondamentali, che si integrano vicendevolmente: le divinità che presiedono il mandala, sono per il meditante simboli che rappresentano le energie cosmiche divine, ma possono essere contemporaneamente simboli delle sue stesse forze interiori, consce o inconsce, o delle proprie condizioni psichiche. Metaforicamente il mandala diventa uno specchio che riflette e amplifica l’immagine psichica del meditante, diventando così l’oggetto specifico della meditazione.

Lo scopo fondamentale del Mandala, oltre al culto e l’identificazione con le potenze divine o la coscienza del rapporto tra “l’Io” e il “Mondo”, è quello di giungere all’autocontrollo della sfera mentale e psichica. Si tratta di attraversare la selva di segni e simboli psichici che la meditazione totale fa emergere; significa procedere in un viaggio interiore; i cui maggiori ostacoli sono le latenze dell’inconscio, spesso devianti e alienanti, o le forze negative che impediscono di realizzare la propria integrazione e centralizzazione.

Nello svolgimento della meditazione il mandala diventa così un grande strumento che, se ben vissuto, offre la possibilità del superamento dei vari blocchi psichici che emergono nel processo ed è un sostegno, per così dire tecnico, di conoscenza e di trasformazione nel tragitto di chi medita. Il suo funzionamento, tuttavia, dipende da molti fattori, quali le condizioni psico-fisiche del praticante (non a caso la prima fase è quella della purificazione), le cognizioni tecniche della meditazione, la conoscenza della simbologia del mandala. Se molto dipende dalla funzione di guida spirituale del mandala, ancora di più dipende dall’insegnamento di un maestro. Nel pensiero mistico indiano il vero guru è la divinità “del cuore”, la stessa che il devoto ha posto sul “trono del loto” al centro del suo mandala. La divinità opera come guida interiore e lo condurrà verso l’autorealizzazione.

Il meditante nel suo viaggio spirituale, si muove attraverso i piani simbolici sintetizzati dai circuiti geometrici e dalle varie soglie di passaggio. Egli sa per intuito che sia che venga guidato direttamente verso la cima, sia che faccia una breve pausa, sia che inciampi lungo il cammino o che perda interesse, sa intuitivamente che tutti i suoi movimenti lo porteranno inevitabilmente al punto di origine il “bindu”, l’inizio e il termine di tutta l’esistenza.

Arrivato al vertice, il meditante interiorizza l’intero mandala e centralizza “un punto immaginario del proprio corpo sottile”.

Dice il Buddha: “quando fissi il tuo cuore in un punto nulla è impossibile per te” …..

Informazioni su Gabriella Costa

ArtCounselor (a indirizzo Pluralistico Integrato, formato ASPIC Roma) - Operatore nella Psicologia del Colore - Mediatore Familiare , Counselor di Coppia, Counselor on-line, Facilitatrice SoulCollage® Ideatrice del Metodo Mandala-Evolutivo© Professional Counselor ai sensi della legge 4/2013 Counselor Trainer/Supervisor Iscritta AssoCounseling REG-A0731-2012 Docente Formatore Iscritta all'AIF nr. 554 Membro del Consiglio Direttivo di ASCo Associazione Scuole di Counseling (www.http://www.scuolecounseling.it/) - Responsabile della Segreteria operativa - Direttore Didattico ARTcounseling e docente presso ADYCA asd - Roma , scuola di formazione in Counseling, i cui corsi sono riconosciuti da AssoCounseling Coniugo quindi la professione di formatore con quella di Counselor individuale con l’agevolazione di Gruppi di crescita attraverso i mezzi artistici (Mandala – Collage – Poesia – Scrittura Creativa – Pittura Intuitiva) e percorsi di Mediazione Familiare con l’obiettivo di preservare il diritto alla Bigenitorialità e Counseling di Coppia con il lavoro di formatore presso ADYCA e altre scuole di Counseling. Utilizzo il mezzo telematico Skype (gab.costa1) proponendo percorsi di crescita on-line, anche con il mezzo artistico, come primo approccio al Counseling . Ideatrice del progetto "Arte per Ri-Trovarsi" laboratori di immaginazione, arte e fantasia dove giocando con colori , forme, parole e immagini poter dar vita a nuovi scenari scoprendo nuove prospettive

»

  1. salve,
    prima di tutto volevo dire che la sua analisi mi sembra dettagliata e molto ben strutturata. complimanti!
    Le volevo chiedere se conosce il significato del mandala formato da una striscia circolare e all’interno del cerchio che si viene a formare vi è un cerchio pieno più piccolo. grazie e complimenti ancora.

    • Ciao Jacopo, grazie per avermi scritto e scusa il mostruoso ritardo nella risposta ma spesso alcuni commenti mi vanno nello spam, che io controllo raramente .. 😦

      La tua domanda non ha una risposta immediata, tante sono le variabili in gioco . Non esiste una interpretazione standard che vada bene per tutti piuttosto una esplorazione, fatta insieme ad un facilitatore , dei simboli e delle emozioni correlate ad essi.

      Se la cosa ti interessa , io propongo percorsi on-line https://counselingearte.wordpress.com/lab-on-line/ in cui, attraverso il disegno del Mandala, arrivare ad una consapevolezza più profonda di se stessi , ad una maggior centratura per poter raggiungere i propri obiettivi e quindi ad un incremento del ben-essere.

      per qualsiasi informazione sono a tua disposizione …. 🙂

      Un caro saluto
      Gabriella

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...